Skip to content

La storia dell'orologeria svizzera

Nel corso della storia, gli esperti orologiai svizzeri hanno dominato il settore. La tradizione e l'artigianato dell'orologeria in Svizzera risalgono a secoli fa e sono sopravvissute a una moltitudine di cambiamenti e sconvolgimenti del settore. La storia dietro questo settore è abbastanza affascinante. Come vedrai durante questo breve tuffo nel passato di questa bellissima forma d'arte, molte circostanze diverse sono dovute accadere per consentire la crescita di questo settore che ora è visto come una delle colonne della cultura svizzera.

 

Periodo medievale

Nel periodo medievale, monaci e monache usavano campane, clessidre e candele per suddividere la loro routine quotidiana. Le meridiane, modellate sugli esempi usati per la prima volta dai cinesi 2500 anni prima di Cristo, erano dipinte sui muri esterni dei monasteri e indicavano l'ora del giorno utilizzando le ombre proiettate dal sole. 

Mediaeval Period Monks ring Bell for Time indication

 

 

15 ° secolo

Nel XV secolo gli orologi pubblici con movimenti meccanici apparvero in tutta Europa, prima nelle città dove spesso servivano anche a scopo rappresentativo. Le persone si allineavano sempre più a questo tempo meccanico, che non si adattava al mutare delle stagioni come la chiesa, ma restava immutabile. L'uso dei calendari e la diffusione degli orologi a pendolo nelle famiglie dal 1400 in poi, come testimoniano gli inventari, dimostrano anche che la percezione del tempo mutò nel XV secolo e portò alla risoluzione del monopolio fino ad allora detenuto dallo Stato e le chiese come loro braccio teso. Questo ha aperto la strada agli orologi per diventare un oggetto di lusso per la novità e per i cittadini comuni allo stesso modo.

First Mecanical clock Towers 15th Cenury Zytglogge Bern

Torre Zytglogge, Berna, costruita intorno al 1220 d.C., dotata di meccanismo a orologeria intorno al 1530 d.C.

 

 

Verso la fine della prima età moderna

Con l'avvento dei segnatempo portatili dal 1650 in poi e la costante crescita della domanda alimentata dalle città emergenti e dalla borghesia, i primi orologiai si stabilirono in tutte le parti dell'odierna Svizzera, da Basilea al Ticino, da Ginevra ai Grigioni. Tra Winterthur e Zurigo, i meccanici si occupavano della manutenzione degli orologi della torre già esistenti. A Berna gli orologiai appartenevano all'Associazione dei fabbri (Gesellschaft zu Schmieden). Nel XVIII secolo i meccanici di Lucerna, Zugo, San Gallo, Coira e Sciaffusa si trasferirono in campagna, dove costruirono orologi a pendolo in legno o ferro, il cui stile variava a seconda della regione. Gli orologiai di Ginevra e dell'Arco del Giura, invece, si sono specializzati interamente nella realizzazione di piccoli orologi portatili, un'enorme pietra miliare sulla strada per gli orologi da polso di oggi.

Portable Timepiece 17th Century 1650 

 

Ascesa della culla dell'orologeria svizzera a Ginevra

La tradizione dell'Alta Orologeria iniziò veramente solo con l'arrivo degli Ugonotti nella seconda metà del XVI secolo. In fuga dalle persecuzioni religiose nella natia Francia, molti, tra cui maestri orologiai e orologiai, si rifugiarono nella vicina Ginevra, la città di Calvino.

Persecution Huguenots Paris escape to Switzerland Geneva bringing the Watchmaking craftmenship

La notte di San Bartolomeo, nella notte tra il 23 e il 24 agosto 1572, l'assassinio di migliaia di ugonotti a Parigi, scatenò un'ondata di persecuzione religiosa contro la minoranza protestante in Francia.

A quel tempo, Ginevra era una vera e propria città del boom. Una delle principali forze trainanti della sua prosperità economica furono i rinomati orafi e smaltatori della città. Ciò si è combinato fruttuosamente con le abilità degli ugonotti, che hanno portato Ginevra a diventare il centro del cronometraggio.

Geneva late second 16th Century Destination of Huguenots Refugees

 Dal 1660 in poi, case maker e incisori iniziarono a specializzarsi. La separazione in due professioni separate fu completata con l'istituzione di una maestria separata per ciascuna nel 1698. La rigida divisione consentì un'ulteriore specializzazione e aumentò il vantaggio qualitativo dei produttori svizzeri sulla concorrenza straniera. Le donne, anche se fino al 1785 non ebbero accesso a questi mestieri, furono coinvolte nella produzione di beni complementari come fabbricanti di catene e nel 1690 si unirono alla corporazione degli orologiai, attiva dal 1601. 

The History Of Switzerland Dominance In Luxury Watchmaking

Ugonotti a Ginevra alla fine del XVI secolo in una manifattura di orologi

 

 

17° secolo:

Dalla fine del 17° secolo, gli orologiai ginevrini si limitarono alla finitura degli orologi e affidarono la produzione dei movimenti grezzi alle vicine valli del Giura o al Pays de Gex e Faucigny, il che consentì una specializzazione ancora maggiore. I cosiddetti cabinotiers, come venivano chiamati gli orologiai ginevrini che lavoravano in piccoli ambienti, erano raggruppati insieme agli altri artigiani e lavoratori dell'industria dell'orologeria e della gioielleria (bijouterie) nella cosiddetta fabrique. Fu grazie al loro duro lavoro e alle buone relazioni commerciali che l'orologeria ginevrina fiorì intorno al 1770-1786. Gli orologi di Ginevra furono consegnati fino in Oriente e raggiunsero anche le fiorenti colonie americane. Quando la Francia annesse Ginevra nel 1798, i campionati furono aboliti. La politica francese che ha dotato l'industria dell'orologeria delle abilità degli ugonotti ora minacciava di distruggere l'industria mentre precipitava in una crisi e la disoccupazione aumentò drammaticamente.

Geneva Watchmaking 17th Century

 

 

18mo secolo: 

All'inizio del 18° secolo, gli orologiai ginevrini si stabilirono a Vaud e portarono le loro abilità nella regione. Tuttavia, i maestri di Rolle, Nyon, Coppet e Moudon furono aboliti già nel 1776 e quelli di Vevey nel 1802. Rimasero solo gli orologiai della Vallée de Joux, specializzati in meccanismi complicati e produzione di gioielli per orologi.

Watchmaker Valée de Joux Farmer works in his house During the Winter.jpg

Nelle Montagnes neuchâteloises, l'orologeria si diffuse a partire dal XVII secolo e raggiunse gradualmente quella di Ginevra, che a sua volta dovette affrontare la forte concorrenza inglese. Non c'erano corporazioni a Neuchâtel e la libertà di produzione a causa dell'abolizione di questo monopolio di fatto portò al prevalere del commercio, che incoraggiò molti orologiai ginevrini a trasferire lì la loro produzione. 

montagnes neuchâteloises creux du van

I lavoratori di Neuchâtel conoscevano la lavorazione dei metalli (fabbro, armaiolo, fabbricazione di utensili e fabbricazione di chiodi). I primi orologiai hanno costruito orologi di dimensioni medio-grandi, ma poi sono passati alla produzione di orologi da tasca e strumenti per l'orologeria. I pendoli di Neuchâtel trovarono buone vendite alle fiere dal 18° secolo in poi e non furono in alcun modo inferiori alla concorrenza parigina tra il 1750 e il 1810. Gli orologiai spesso impiegavano tutti i membri delle loro famiglie, trasmettevano le loro conoscenze agli apprendisti, univano le forze con altri professionisti e stipulato matrimoni intenzionali.

Neuenburger Pendule Swiss Watchmaking History

L'artigianato dell'orologeria si diffuse a seguito di mercati in crescita dalle Montagnes neuchâteloises al Vallon de Saint-Imier e alle Franches-Montagnes occidentali. Ma il governo francese ha minacciato ancora una volta di distruggere l'industria dopo l'annessione del principato vescovile di Basilea alla Francia poiché il commercio tra gli operai dei villaggi del Giura nel dipartimento del Mont-Terrible e gli orologiai di Neuchâtel si è interrotto. Tuttavia, fortunatamente, l'orologeria si riprese dopo il 1815 e si diffuse tra Tavannes e l'Ajoie (settore industriale).

 

 

Il Canton Berna diventa il nuovo epicentro dell'orologeria

Dalla metà del XIX secolo l'industria orologiera si sviluppò principalmente nei cantoni di Berna (Vallon de Saint-Imier, Franches-Montagnes, Ajoie, città di Bienne) e Soletta (regione intorno a Grenchen). Intorno al 1890, circa la metà di tutti gli orologi e movimenti destinati all'esportazione proveniva da laboratori di orologeria bernesi (industria dell'esportazione).

Swiss Watch Company Biel/Bienne in the 19th Century

Berna divenne la nuova roccaforte di un'industria orologiera in rapida modernizzazione. La continua meccanizzazione alla fine del XIX secolo portò a un'ulteriore diffusione in aree al di fuori dell'arco del Giura, come Basilea Campagna e Sciaffusa. Nel 20° secolo l'industria dell'orologeria era concentrata nell'Arco del Giura, dove impiegava circa il 90% degli addetti al settore.

Omega Factory 1902 Biel/Bienne epicenter of Swiss Watchmaking

 

 

Cambiamento nei quadri di produzione

Come l'orologio stesso, l'industria orologiera svizzera era un'entità complessa, soprattutto a causa della progressiva divisione del lavoro, che portava a una differenziazione delle professioni e a un continuo aumento di capacità ed esperienze. Una statistica occupazionale di Ginevra del 1788 elenca più di 30 diversi mestieri riuniti nella fabrique, mentre un censimento delle fabbriche del 1867 a La Chaux-de-Fonds distingue 54 mestieri di orologeria.

I primi orologiai realizzavano da soli i componenti dell'orologio (movimento e cassa) e li assemblavano nel prodotto finito. Dal 17° secolo in poi, il processo di lavorazione è stato scomposto in singole fasi lavorative, ognuna delle quali veniva svolta da altri specialisti che lavoravano a domicilio, migliorando progressivamente la qualità. 

Ulteriori sviluppi e miglioramenti hanno svolto un ruolo importante all'inizio. L'idea dell'intercambiabilità delle singole parti era nota nell'orologeria giurassiana dagli anni '70 del Settecento, ancor prima che venisse applicata nell'industria americana, che era in concorrenza diretta con l'industria orologiera svizzera. 

Fu solo alla fine del XIX secolo che la trasformazione del processo produttivo nell'industria orologiera portò a cambiamenti nelle strutture economiche e sociali regionali. La standardizzazione, la produzione meccanica di singole parti e la produzione in serie di orologi economici negli Stati Uniti d'America dalla metà del secolo in poi hanno costretto l'industria orologiera svizzera a passare dal lavoro manuale alla produzione industriale. Il progresso tecnico e il ridimensionamento hanno conferito agli Stati Uniti un vantaggio competitivo che ha quasi portato al crollo dell'industria orologiera svizzera. Le esportazioni di orologi svizzeri caddero da 18,3 milioni di franchi nel 1872 a 3,5-4 milioni di franchi nel 1877-1878.

I presupposti tecnici e organizzativi per la produzione in serie di orologi emersero finalmente nel Giura bernese e ai piedi del Giura, dove le grandi manifatture formarono nuovi centri dell'orologeria. Hanno impiegato centinaia di lavoratori non qualificati e non istruiti, la maggior parte dei quali proveniva dalla popolazione rurale. Delle 97 fabbriche di orologi che nel 1883 rientravano nella definizione di fabbrica, 46 si trovavano nel cantone di Berna e undici nel cantone di Soletta.

 

 

Alti e bassi:

Il passaggio alla produzione di massa meccanizzata ha avuto un forte impatto sul mercato del lavoro. Per difendere i propri diritti, i lavoratori scioperarono 193 volte tra il 1884 e il 1914. Nel 1912 si organizzarono come sindacato nell'organizzazione ombrello degli operai di guardia, a cui appartenevano all'epoca 17.000 persone, ovvero circa un terzo della lavoratori impiegati nel settore dell'orologeria in quel momento.

L'industria orologiera svizzera ha reagito in modo flessibile alla concorrenza americana perseguendo una doppia strategia. Da un lato continuava ad affidarsi all'orologeria nel campo degli orologi di lusso che prevedevano finiture speciali o manuali, cosiddette complicazioni e parti di precisione nei centri tradizionali dell'orologeria, e dall'altro alla produzione industriale in serie di orologi in la fascia di prezzo media così come il segmento di prezzo basso nei complessi industriali. La crisi del 1921-1923, la recessione economica mondiale degli anni '30 (Grande Depressione) e l'emergente protezionismo misero alla prova questa flessibilità e accelerarono la cartellizzazione che aveva cominciato ad emergere con la creazione delle prime holding come le Ebauches o le Société suisse pour l'industrie horlogère alla fine degli anni '20.

Dopo che l'industria dell'orologeria si è ripresa, ha fatto bene per quasi 50 anni ed è stata in grado di aumentare le sue vendite ed espandersi ulteriormente ogni anno, fino a quando la cosiddetta "crisi del quarzo" ha colpito nei primi anni '70. Questo ha quasi spezzato la schiena all'industria orologiera e ci sono voluti due giovani imprenditori che da soli hanno salvato l'industria orologiera svizzera.

Qui puoi trovare la crisi del quarzo