Skip to content

La quasi fine dell'orologio meccanico

Negli anni '70 e '80 la Svizzera ha subito la peggiore crisi economica della sua storia. La cosiddetta "crisi del quarzo" ha colpito l'intera industria dell'orologeria e l'ha quasi messa in ginocchio.

In 13 anni, la crisi è costata il posto di lavoro a circa due terzi dei dipendenti del settore e ha alimentato grandi timori per la sopravvivenza. Ma qual è stata esattamente la crisi del quarzo e in che modo la Svizzera si è salvata dalla fine della sua industria più preziosa?

Punto di partenza

All'inizio del 20° secolo e fino al secondo dopoguerra, il 95 % di tutti gli orologi meccanici venduti nel mondo proveniva dalla Svizzera. Non c'era praticamente concorrenza e il vantaggio tecnico e artigianale era troppo grande. 90.000 persone hanno lavorato direttamente o indirettamente per l'industria dell'orologeria.

watch manufacture in the 1960s in switzerland

Qualità e precisione prima di tutto

Il fulcro dell'intera industria in quel momento era la precisione degli orologi. La precisione era l'indicatore della qualità e quindi del prezzo.

vintage ad of a swiss watch brand witch advertises the precision of their watches. arroun 1950

Il disgregatore

Seiko, un orologiaio giapponese, ha lanciato il suo primo orologio da polso al quarzo disponibile in commercio, l'"Astron", nel 1969. Contemporaneamente, la società ha sviluppato un approccio di marketing completamente nuovo per i suoi articoli prodotti industrialmente, concentrandosi sulla precisione piuttosto che sull'artigianato e sull'integrazione verticale. “Quartz preciso”, una caratteristica che gli orologi economici dell'Estremo Oriente padroneggiavano a pieni voti.

first quarz watch in the world, Seiko Anstor

La Svizzera ha dormito per più di 10 anni

L'arroganza degli svizzeri non conosceva limiti per questo cambiamento di mercato. Invece di affrontare la crisi imminente, si sono aggrappati al vecchio concetto di precisione dei movimenti meccanici, credendosi intoccabili. Tuttavia, poiché i movimenti giapponesi erano molto più precisi e potevano essere prodotti a una frazione del costo dei movimenti svizzeri, era solo questione di tempo prima che Swiss Made non avesse più molto peso nel contesto degli orologi.

Negli anni '70 la crisi del quarzo si diffuse sempre più. Le aziende che erano in attività da generazioni fallirono in file. L'intero settore era in una crisi profonda di proporzioni mai viste.

watch_manufactury_empty_bankrupt_

Nicolas George Hayek

Le banche svizzere hanno assunto il consulente di gestione Nicolas George Hayek per esaminare la situazione apparentemente senza speranza nei primi anni '80. Hayek, che un tempo si caratterizzava come un sognatore impaziente, escogitò due strategie per superare questa crisi. Il suo piano era di unire i marchi delle due principali società di orologi (ASUAG e SSIH) sotto un unico potente marchio ombrello e creare una nuova linea di orologi che offrisse la qualità svizzera a un prezzo accessibile. Con Nicolas G. Hayek a capo, lo Swatch Group è stato fondato attraverso un accordo bancario.

nicolas hayek founder of swatch in a office on the phone

L'orologio di plastica che ha conquistato il mondo

Dopo solo un breve periodo di ricerca e sviluppo, Hayek fece incorporare movimenti al quarzo e automatici in casse di plastica e lanciò in gran numero gli orologi Swatch sui mercati internazionali. Ha seguito un audace piano di marketing che non è mai stato presente nel settore dell'orologeria svizzera. Gli orologi Swatch erano caratterizzati dal loro design piatto, leggero, colorato e appariscente. Hayek ha scelto quali modelli sono stati messi in produzione. Gli orologi Swatch hanno gareggiato direttamente con gli orologi giapponesi nella fascia di prezzo inferiore. Swatch è diventato un accessorio iconico della cultura pop in tutto il mondo. L'etichetta "Swiss made" è stata ripristinata. Un colpo di genio, letteralmente pochi istanti prima che l'industria orologiera svizzera crollasse.

Haus der Kalistik-Swatch Jelly Green in Wohnzimmer

La piramide di Hayek

Il grande successo degli orologi Swatch ha costituito la base finanziaria per la rinascita dei grandi marchi tradizionali un tempo. Hanno gettato le basi, con marchi di lusso come Longines e Omega che segnano il centro e il vertice dell'attività. Nacque l'idea nota come la piramide di Hayek. Oggi lo Swatch Group comprende anche i marchi Glashütte Original, Blancpain, Tissot, Certina e Hamilton. Nicolas G. Hayek è morto nel 2010. Oggi, suo figlio Nick Hayek dirige l'azienda a Biel, in Svizzera.

The-hayek-pyramid-brands-owned-by-swatchgroup-swatch-group

Jean-Claude Biver

Hayek e le banche non furono gli unici responsabili del salvataggio dalla crisi del quarzo. Nel 1982, Jean‑Claude Biver, un giovane manager, acquistò i diritti sul marchio Blancpain ferito e si unì alla squadra di Hayek. Con Blancpain e successivamente Zenith, Biver si affida nuovamente agli orologi meccanici di lusso e li promuove come mantra con i termini artigianato, tradizione ed eternità.

L'orologio era ed è ancora una parte della storia personale di Biver, e quindi ha uno scopo diverso da quello di un segnatempo. Questa è una mentalità che continua a dare i suoi frutti oggi. Jean‑Claude Biver lavora ancora nel settore degli orologi svizzeri come manager. Oggi Biver è presidente non esecutivo della divisione orologi del conglomerato francese LVMH con i tre marchi di orologi Tag Heuer, Zenith e Hublot.

Jean-Claude-Biver-am-Schreibtisch-lacht-mit-hublot