Skip to content

Rolex Oyster - L'orologio dei pionieri

Il Rolex Oyster non può essere descritto in altro modo se non come la pietra miliare che è. L'introduzione del primo orologio impermeabile e impermeabile alla polvere nel 1926, dotato di un alloggiamento sigillato ermeticamente per fornire al suo meccanismo la massima protezione, fece grandi scalpore tra gli amanti degli orologi nei ruggenti venti. Per sostenere la pretesa di offrire una protezione perfetta contro acqua e polvere, l'orologio da polso ha dovuto prima resistere alle onde del Canale della Manica. L'anno successivo, la giovane inglese Mercedes Gleitze nuotò attraverso il canale con uno sforzo estenuante che durò oltre 10 ore, accompagnata fedelmente dal Rolex Oyster al polso sopravvissuto illeso, a testimonianza irrevocabile della maestria tecnica sotto la corona Rolex .

First-Rolex-Oyster-1926-Product-Image

Per celebrare questo traguardo, il quotidiano ha pubblicato un annuncio a tutta pagina in prima pagina, completato da Mercedes Gleitze che è diventata nota come la prima ambasciatrice del marchio della manifattura svizzera di orologi.

Daily-News-Article-Rolex-Oyster-passing-of-english-channel

Nemmeno il cielo era il limite poiché la prima missione a sorvolare l'Everest nel 1933 fu equipaggiata con il Rolex Oyster, perseguitato avidamente dalla stampa e lodato dall'equipaggio degli aeroplani.

 Rolex-Oyster-Flying-over-Mount-Everest-fo-the-first-time-1933

Negli anni '30 Rolex consolidò la sua posizione di rifugio di salvataggio e porto di scalo per gli avventurieri fornendo a celebrità e modelli di ruolo dell'epoca i loro orologi da polso. Tra gli atleti ad alte prestazioni come lo sciatore Jean-Claude Killy o la coppia di alpinisti Sir Edmund Hillary e Tensing Norgay, i piloti da corsa erano particolarmente apprezzati come ambasciatori del marchio. Il Rolex Oyster divenne così l'accessorio preferito per adornare il polso di personalità come Sir Jacky Stewart o Sir Malcolm Campbell. Quest'ultimo ha scritto la storia il 4 settembre 1935 quando è diventato il primo essere umano ad attraversare il confine di 300 mph con un veicolo terrestre. Al volante del suo bolide "Bluebird" e con un Rolex al polso, l'inglese ha battuto questo record di velocità per la nona volta dal 1924. Campbell ha condiviso il suo entusiasmo per l'Oyster in una lettera inviata direttamente all'orologiaio svizzero.

Malcolm-Campbell-300-MPH-Speed-Record-Rolex-1935-fastest-landvehicle

"Nel frattempo, uso il mio orologio da polso Rolex da un po' di tempo e misura perfettamente il tempo nonostante le condizioni un po' avverse".

Sir Malcom Campbell

L'uscita del primo Datejust nel 1945, fino ad oggi la pietra angolare dell'odierna collezione Oyster, aprì la strada alla linea secondaria per diventare francamente il prodotto più popolare e ricercato tra l'elenco degli orologi Rolex, essendo il primo cronometro da polso con automatico meccanismo a carica automatica che visualizza la data in una finestra di visualizzazione sul quadrante, una scelta di design che è ancora oggi un marchio di fabbrica.

The-first-Rolex-Datejust-1945

Altre collezioni seguirono all'indomani della seconda guerra mondiale, conquistando gli elementi quando furono lanciati sul mercato modelli come l'Air-King, inizialmente progettato esclusivamente per la Royal Air Force britannica. Orologi più specializzati come la linea Submariner, seguendo le orme del suo antenato che ha attraversato il canale britannico, è diventato il primo orologio in grado di resistere a una profondità d'acqua fino a 100 metri e ha consolidato il suo posto come probabilmente l'orologio subacqueo più popolare di tutti tempo, non poco indipendente dalla sua apparizione al polso dello stesso James Bond.

First-Rolex-Submariner-1954

L'innovazione è stata un'enorme forza trainante sulla strada verso nuove linee secondarie, risultando in modelli come il GMT-Master che è stato rilasciato nel 1954, lo stesso anno del già citato Submariner, è stato progettato in collaborazione con l'ormai defunta Pan American Airways e può essere visto come successore spirituale della linea Air-King come strumento utile per loro piloti e navigatori.

First-Rolex-GMT-Master-1954

Il Day-Date, rilasciato solo due anni dopo, ha integrato il quadrante con un'indicazione dei giorni feriali e quindi mostrando inclusività e personalizzazione come mai prima aggiungendo un linguaggio, facendo sentire chi lo indossava a casa ovunque si trova e allo stesso tempo sviluppando ulteriormente le basi il set Datejust applicando ancora più funzioni a una forma d'arte che è vista come perfetta fino a quando qualcuno non rompe ancora una volta il sigillo del vetro, dimostrando che l'arte non è mai finita ma in continua evoluzione - e mai noiosa. 

First-Rolex-Day-Date-1956